RSS Feed

Esistono i maestri?

25 novembre 2005 by Admin

Segnalo il dibattito di ieri su Lipperatura circa i presunti/assunti/desunti maestri, la loro eventuale morte e la necessità o meno della loro esistenza.
Io personalmente non penso sia corretto porsi la domanda se esistono, o buttarsi a peso morto nella loro ricerca. So per certo una cosa, i maestri non sono coloro che si reputano tali. I maestri sono coloro che rispettiamo.
E’ il rispetto per alcune capacità di un individuo che ci deve portare alla consapevolezza che abbiamo imparato molto da lui e che quindi è giusto reputarlo un maestro.
Rimango affascinato dalla scrittura densa e ritmica di un Faulkner, dalla ricchezza di paesaggi sensoriali di un Boll, dalla paradossale e instancabile capacità di creare labirinti verbali di un Borges. Cos’altro posso pensare di loro se non che sono i miei modelli e, in quanto tali, i miei possibili maestri. Ciò che sento per loro non è pura reverenza o instancabile idolatria, ma rispetto. Profondo rispetto e continuo desiderio di confrontarmi con loro. Se poi un giorno mi renderò conto che la loro influenza sulla mia scrittura – o sulla mia vita – sia stata rilevante, allora e solo allora potrò ritenere di aver avuto dei maestri.

* * *

Ora che ci penso esistono anche i cattivi maestri. Ma a quelli vorrei cercare di sfuggire, anche se non sempre è possibile perché passi del tempo accanto a una persona e quando ti accorgi di essere stato cambiato, ormai è troppo tardi per tornare indietro…


Nessun commento »

No comments yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *